ALBANA NERA E CENTESIMINO
VINO ROSSO, PASSITO, DOLCE

Il nome deriva dal latino "Voca me": ovvero chiama me, chiamami. Ho immaginato che sia il vino, che rivolgendosi a noi, quasi con un sussurro, dica: "Voca me, chiamami, sceglimi". Affinché possa raccontarci di come si è diventato interprete del territorio.

Le uve provengono da un piccolo vigneto di vent’anni esposto a nord, completamente circondato dal bosco, la cui superficie complessiva è di 0,3 ettari. Fra i filari di albana nera (di cui si hanno testimonianze di coltivazione molto antiche in Romagna) ve ne sono alcuni di centesimino. Le due varietà vengono raccolte manualmente a metà ottobre e sono lasciate appassite sulla pianta.
Le uve sono riposte in piccole cassette che vengono poi trasportate in cantina per la vinificazione, che avviene in recipienti tradizionali di cemento da 10 ettolitri, con una macerazione sulle bucce di circa tre settimane. La maturazione del vino è avvenuta per dieci mesi nei medesimi recipienti di fermentazione e per sei mesi in bottiglia.
Il vino presenta un residuo zuccherino naturale di 60 mg litro.

Descrizione: ha colore rosso rubino intenso. Lo spettro olfattivo si apre subito con note di frutta rossa surmatura come more, ciliegie e ribes. Le note olfattive sono intense e permangono nitide, con persistenza. In bocca entra denso, con una sensazione tattile di dolcezza e morbidezza, ben bilanciate comunque dall'acidità e dalla tannnicità, che contribuiscono a creare una bocca ampia, voluminosa. La struttura non è opulenta e dona al vino ottima beva anche quando é preceduto da alcuni vini secchi.

Abbinamento: con crostate di frutta, dolci al cioccolato o con la pasticceria secca. Consiglio di servirlo a 14 gradi centigradi in un ampio bicchiere.

Suggerisco di decantare i vini 15 minuti prima di degustarli.